The Americans, Justified 4: intervista a Graham Yost

di Antonio Ruggiero Commenta

Graham Yost 1

Graham Yost, il vincitore di ben due Emmy Awards, ha rilasciato una serie di dichiarazioni sugli show nei quali lavora come showrunner, Justified e The Americans, che vi proponiamo subito dopo il salto.

Su Justified, ci dice:

La direzione narrativa della quarta stagione è qualcosa che mi ha preoccupato sin dall’inizio, ma sono felice di aver provato qualcosa di totalmente nuovo, lasciandomi guidare dagli attori, dal set e dalla storia, senza forzature.

Graham Yost ci fornisce anche una serie di indicazioni sul processo creativo di The Americans:

Mentre creavo la serie, mi sono immaginato i personaggi con i quali il pubblico avrebbe potuto provare più empatia e cercare di creare voci, gesti, tonalità e caratteristiche ed in questo processo è molto importante la ricerca storiografica per poter arricchire la trama che avevo in mente ed è particolarmente interessante il processo di ricerca, soprattutto perché è difficile capire quando finisce la ricerca e quando inizia la scrittura mentre ci si dedica alla creazione di uno show televisivo.

Lo showrunner ci fornisce anche alcune indicazioni sul suo sistema di scrittura:

In un mondo nel quale bisogna tener conto del tempo per la creazione di un’opera, a volte è difficile cercare di capire quale sia la maniera migliore per riuscire a conciliare perfettamente la propria personalità con la trama da scrivere, ma fortunatamente il supporto del cast permette di avere la possibilità di dare ad ogni personaggio ed avvenimento il suo momento ed a capire quale sia la maniera migliore per riuscire a creare qualcosa di interessante.

Infine, conclude con una riflessione su The Americans:

Il libro dal quale la serie è tratta è davvero fantastico e spero di poter scrivere ancora per questo show.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>