Once Upon a Time 7, intervista e spoiler dai creatori Kitsis e Horowitz

di Felice Catozzi Commenta

Ci sono grandi sorprese nel secondo appuntamento della settima stagione di Once Upon a Time, ce le raccontano i creatori Edward Kitsis e Adam Horowitz

Per tutti gli appassionati di Once Upon a Time, la settima stagione è appena cominciata e, nonostante siamo giunti soltanto alla seconda puntata, sono già molte le novità impressionanti: di seguito sveliamo diversi dettagli, commentati dai creatori della serie Edward Kitsis e Adam Horowitz, quindi allerta spoiler.

Nella settima stagione di Once Upon a Time, dopo la premiere si è pensato che Emma e Hook siano stati separati da una nuova maledizione, perdendo così il loro agognato lieto fine, poi è andata in onda la seconda puntata e improvvisamente tutto è stato chiaro.

Il detective della polizia di Seattle Rogers non è una versione maledetta del Killian che conosciamo, ma invece è in realtà la versione del desiderio del pirata: in pratica, è un doppelganger che decide di seguire Henry a Storybrooke, su cui è stata lanciata una nuova potente maledizione. A proposito, la Salvatrice è incinta ed è bene che resti insieme al marito Uncino lontano dalle battaglie.

Ecco quindi come viene gestita l’uscita della protagonista di Jennifer Morrison da Once Upon a Time, che finalmente hanno potuto spiegare gli executive producer Adam Horowitz ed Eddy Kitsis ai colleghi di TVLine.

Horowitz:

Questa è la conseguenza del lieto fine visto tra Emma e Hook l’anno scorso, per noi è la continuazione della felicità.

Kitsis:

È così, la famiglia cresce. Per la stessa ragione, Hook del desiderio fa tutto questo perché ha una figlia da cui è stata separata a causa di una maledizione, è pronto a tutto per trovare la sua strada.

Felice Catozzi

Blog Manager | Writer | Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>