Nash Bridges revival, Don Johnson nello show

di Antonio Ruggiero Commenta

USA Network sta progettando il revival della serie televisiva Nash Bridges con Don Johnson pronto a ritornare nello show

USA Network ha deciso di produrre un revival di Nash Bridges, con Don Johnson, protagonista della serie principale, di ritorno nello show, ma parliamone meglio subito dopo il salto.

Nash Bridges revival, anticipazioni

Secondo le prime informazioni, il revival di Nash Bridges sarà uno speciale di due ore che però potrebbe fungere da trampolino di lancio per una nuova serie in caso di riscontro positivo da parte del pubblico. L’originale Nash Bridges è composto da sei stagioni per un totale di 122 episodi che sono stati trasmessi da CBS tra marzo del 1996 e maggio del 2001. Carlton Cuse, creatore dello show che al momento è sotto contratto con ABC Studios, non è stato coinvolto nel progetto, che è stato affidato a Don Johnson e Bill Chais.

Nash Bridges segue le vicende del personaggio di Don Johnson, ispettore ed in seguito Capitano dell’Unità Investigativa Speciale del Dipartimento di Polizia di San Francisco. Al suo fianco, il suo partner, l’Ispettore Joe Dominguez, interpretato da Cheech Marin. Il resto del cast è composto da James Gammon (Nick Bridges), Jodi Lyn O’Keefe (Cassidy Bridges), Jeff Perry (Harvey Leek), Jaime P. Gomez (Evan Cortez), Annette O’Toole (Lisa Bridges), Serena Scott Thomas (Kelly Bridges), Cary-Hiroyuki Tagawa (A.J. Shimamura), Mary Mara (Bryn Carson), Kelly Hu (Michelle Chan), Yasmine Bleeth (Catlin Cross), Wendy Moniz (Rachel McCabe) e Cress Williams (Antwon Babcock).

Al momento Johnson è l’unico membro originale dello show legato al revival, ma dato che il progetto è ancora in fase embrionale, non è da escludere che vedremo altri volti familiari in questo revival.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>