Laurence Tureaud all’alba dei suoi 68 anni

di pask Commenta

famoso con lo pseudonimo di Mr.T vediamo com'è oggi il noto attore/wrestler

Laurence Tureaud o meglio Mr.T era un personaggio alla ribalta negli anni 80 grazie alla serie tv A-Team che interpretava insieme ai colleghi George Peppard (il colonnello), Dirk Benedict (il tenente sberla) e Dwight Schultz (capitano Murdock).

diciamo che il tempo non l’ha scalfito molto

Purtroppo il tempo passa per tutti e quello che era l’omaccione più famoso della tv e del mondo sportivo inerente al wrestling è oggi un 68enne in erba. Nato precisamente il 21 maggio è noto anche per aver interpretato il ruolo del pugile Clubber Lang che sfidò Sylvester Stallone nel film di Rocky 3.

Recitò anche in The Beastmaster e apparve in un altro film sulla boxe, Penitentiary 2, e nel programma Bizarre, prima di accettare il ruolo nel telefilm A-Team. Precisamente Mr.T Pessimo Elemento Baracus era un ex soldato delle forze speciali americane ricercato come i compari dell’A-team “per un crimine che non hanno commesso”. Laurence era già un mito dei ragazzini negli anni ottanta infatti per il ruolo nel telefilm è stato l’unico a non aver concorso nel provino ma scelto a prescindere, merito anche del suo aspetto rude. Ha anche avuto una miniseria dedicata al suo personaggio che venne realizzata dalla Ruby-Spears, una serie animata intitolata appunto Mr. T di 13 episodi trasmessa nel 1983 sulla NBC e la sua immagine apparve anche sulle scatole dei cereali.

Mr. T annunciò di guadagnare circa 80 000 $ a settimana per il suo ruolo nell’A-Team oltre a 15 000 $ per apparizioni in spettacoli ed altre serie tv, ma alla fine degli anni novanta lui apparve solo in pubblicità occasionali a causa di un problema di salute, linfoma T-Cell manco a farlo apposta. Le sue tradizionali catene d’oro furono abbandonate nel look dopo aver visitato le vittime dell’Uragano Katrina. Dopo esser, fortunatamente guarito dal cancro decise di scrivere un libro autobiografico e dal 5 giugno 2011, conduce il programma World’s Craziest Fools per la BBC.

Nel wrestling

Fece ingresso nel mondo del wrestling nel 1985; la sua prima apparizione lo vide indossare i panni del partner di Hulk Hogan in occasione della prima WrestleMania; il duo avrebbe dovuto sfidare la coppia formata da Rowdy Roddy Piper e Paul Orndorff. Hogan scrisse in seguito nella propria autobiografia che Mr. T mise in pericolo il regolare svolgimento del match perché quando arrivò in prossimità dell’arena il personale di sicurezza minacciò di non consentire l’accesso all’edificio ai numerosi componenti del suo entourage; ciò mandò su tutte le furie Mr. T che minacciò di cancellare l’incontro. Hogan sostenne che riuscì a fatica a convincere Mr. T a rimanere ed esibirsi. Piper sostenne che lui e altri colleghi wrestler provarono irritazione nei confronti di Mr. T in considerazione del fatto che egli era un attore e non aveva pagato il tributo dovuto da un wrestler professionista. Successivamente Mr. T sfidò Bob Orton in un incontro di boxe in occasione di una puntata di Saturday Night’s Main Event sulla NBC e ne uscì vincitore. In seguito disputò un altro incontro di boxe contro Roddy Piper nel corso di WWE WrestleMania 2, incontro che lo vedrà vincitore per squalifica. Nel 1987 ritornò sui ring della World Wrestling Federation in qualità di arbitro, prima di sparire completamente dal mondo della boxe e del wrestling.

Riapparve nuovamente come arbitro di Wrestling speciale in un incontro disputato tra Hogan e Ric Flair nella World Championship Wrestling nell’ottobre 1994 e nel successivo Starrcade sconfigge in un match Kevin Sullivan. Abbandona le scene per poi tornare come special guest nell’edizione di Raw del 17 novembre 2001, sette anni dopo l’ultima comparsa. Nella puntata di Raw del 17 marzo 2014 è stato annunciato che Mr. T verrà introdotto nella WWE Hall of Fame. Il 5 aprile 2014 viene introdotto dal figlio nella WWE Hall of Fame.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>