Il mondo televisivo, com’è risaputo, è pieno di gossip, spoiler e quant’altro. Alcuni sono veri, altri totalmente infondati ma, insieme con attori e trame, fanno degli show televisivi dei veri e propri fenomeni, di cui si parla, si sogna e, perché no, si spettegola. Partendo da questo presupposto, Matt Roush si lancia in una botta-risposta con alcuni lettori di tvguide.com di cui noi, in anteprima, vi proponiamo le novità più succulenti.

Partiamo con Homeland, show che impazza e spiazza, punta di diamante di Showtime. Mentre i primi episodi stanno già facendo innamorare più di mezza America, si vocifera di una seconda stagione, forse senza il cast originale ma, sicuramente, piena e piacevole come la prima.

Da uno show annunciato a un altro che di annunciato ha solo la fine: trattasi di Community, probabilmente giunta ai suoi ultimi episodi. Ovviamente, nulla è perduto: attraverso voti, lettere di reclamo e così via, i fans potrebbero avere la gioia di continuare a seguire il loro show preferito.

Passiamo ora a Two and  Half Man, oggetto di molte critiche, dovute, soprattutto, per il linguaggio pesante e i discorsi intorno, principalmente, al sesso. Come puntualizza Roush, però, questo non è di certo una novità, anzi: battute spinte e allusioni evidenti sono da sempre la firma dello show quindi perché mai la CBS dovrebbe cambiare una formula che ha fruttato loro fama e successo?

Ovviamente, la televisione è fatta anche di show nuovi, come Terra Nova, Pan Am, Ringer, Once Upon a Time che, puntata dopo puntata, si stanno facendo valere nel firmamento televisivo diventando, con gli auguri dei fans, le perle della nuova stagione e di quelle a venire. E se questo sarà il corso dell’universo del piccolo schermo, non bisogna far altro che accettarlo, offrendo il giusto addio a show che hanno  fatto il loro corso, tra cui spiccano West Wing e Dynasty.

Tra paragoni all’ultimo colpo riguardo gli show inglesi e quelli americani, dove, come semplice esempio, possiamo nominare Law & Order :SVU e Law & Order: Uk, e quant’altro, concludiamo con Whitney, nuovo arrivato in casa NBC. Lo show, infatti, dopo i primi episodi, è stato confermato per un’intera stagione lasciando delusi moltissimi telespettatori, non amanti della serie tv. D’altro canto, come sottolinea Matt Roush, la televisione deve essere eterogenea e la NBC sta cercando di ospitare qualsiasi tipo di programma, senza denigrare nessuno.

Commenti (2)

  1. Scusatemi, avete scritto nel titolo “Raising Hope” ma non c’è traccia del serial nell’articolo. Vorrei sapere il motivo di questa vostra dimenticanza. Grazie e buon lavoro 🙂

  2. Ottima osservazione: probabilmente era un’anticipazione già data e non ha cambiato il titolo. Indagherò. Scusaci!
    Burt 4 president!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>