Halo stagione 2: il team creativo ascolta i feedback positivi e negativi

di R. Staiano Commenta

I fan scontenti della serie tv di Halo possono star tranquilli, i produttori stanno prendendo in considerazione tutte le critiche.

Il produttore esecutivo di Halo Kiki Wolfkill afferma che il team creativo dello show sta ascoltando il feedback dei fan durante la stagione 2. Dopo essere stata inizialmente annunciata nel 2013 con Steven Spielberg, la serie di Halo ha subito una porta girevole di creativi prima di essere presentata in anteprima su Paramount+ all’inizio di quest’anno. Prodotto da Showtime Networks, 343 Industries e Amblin Television, Halo è ispirato al popolare franchise di videogiochi con lo stesso nome, che segue Spartan John-177, alias Master Chief (Pablo Schreiber), nella guerra del 26° secolo contro i Covenant .

Al di fuori di questa breve sinossi, Halo della Paramount+ si discosta dalla sua amata IP e si svolge in quella che i suoi creatori chiamano “Silver Timeline“, che era destinata a scompigliare il mondo di Halo. Prima ancora che la serie debuttasse, il discorso online era pronto a mettere in discussione la decisione di mostrare molto Master Chief (dopo aver avuto solo un assaggio della sua testa durante le partite), l’aspetto non così blu di Cortana e un focus su personaggi più deboli e meno interessanti. Un mese dopo che Halo ha abbandonato il finale della prima stagione, le lamentele più dure derivano dal suo apparente disprezzo per il materiale originale a favore di una storia generica (matura con i tropi della fantascienza) che criminalizza l’umanità piuttosto che il nemico a portata di mano. Sembrerebbe che il team creativo di Halo stia prendendo a cuore queste critiche. Con Halo che debutterà a un nuovo pubblico nel Regno Unito il 22 giugno, il produttore del franchise Wolfkill ha recentemente parlato con GamesRadar+. Ha detto che il team creativo di Halo sta accogliendo tutte le critiche e gli elogi sui social media della stagione 1 mentre sviluppano la stagione 2. Leggi la dichiarazione completa di seguito:

Stiamo ancora ricevendo feedback. È interessante per me vedere personaggi che risuonano o meno. Dirò, filosoficamente, [stiamo] assolutamente guardando tutti i feedback, buoni e cattivi, da ogni episodio. E quelli sono le cose che porteranno avanti come apprendimenti nella seconda stagione, proprio come tutti gli apprendimenti che abbiamo avuto nella prima stagione [che] abbiamo ottenuto durante il corso della produzione, li porteremo avanti. Guarderemo tutto … in un certo senso leggiamo tutto nella prima stagione e penseremo a come modellarlo andando avanti.

C’è un’immensa pressione per riuscire a fare bene per un franchise di giochi di 21 anni che molti ricordano di aver avuto con la loro prima Xbox nel 2001, lo stesso anno in cui è stato rilasciato il romanzo tie-in di Combat Evolved, The Fall of Reach. Per quanto riguarda le convenienze come Halo, ascoltare i fan dovrebbe essere scontato perché lo spettacolo non esisterebbe senza di loro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>