Good Omens, la petizione per la cancellazione dello show sbaglia piattaforma

di Antonio Ruggiero Commenta

La petizione creata dal gruppo religioso Return to Order per richiedere la sospensione della distribuzione di Good Omens sbaglia servizio di streaming

Return to Order, il gruppo religioso che ha avviato la petizione per interrompere la distribuzione della serie Good Omens, basata sul romanzo scritto a quattro mani da Neil Gaiman e Terry Pratchett, commette un clamoroso errore nella sua richiesta, indirizzandola a Netflix e non ad Amazon Prime, la società che al momento detiene i diritti dello show, ma parliamone meglio subito dopo il salto.

Good Omens, curiosità sulla petizione

Nella petizione richiesta da Return to Order per richiedere la cancellazione di Good Omens, che ha raggiunto le ventimila firme, si richiede la cancellazione dello show che normalizza e promuove il satanismo e si prende gioco di Dio, avendo affidato nella versione originale il doppiaggio all’attrice Frances McDormand. Dopo aver letto l’errore commesso dal gruppo religioso, lo stesso Gaiman e la piattaforma di streaming Netflix si sono presi gioco della richiesta con dei post su Twitter, portando così Return to Order a cancellare definitivamente la petizione dal loro sito. Ci chiediamo se, una volta individuato l’errore, il gruppo religioso deciderà di tornare alla carica per richiedere la cancellazione di questa serie televisiva definita da loro blasfema o se invece si rassegneranno e decideranno semplicemente di guardare qualcos’altro in virtù della libertà di espressione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>