Fringe 3: otto linee guida per affrontare la stagione

di Enrico Nanni Commenta

Per il neo riunito team di Fringe, il finale della seconda stagione ha rappresentato soltanto l’inizio di qualcosa di molto più grande. Il braccio di ferro tra questo mondo e l’altro mondo verrà ulteriormente affrontato nella terza stagione, nella quale si affrontano temi complessi e intriganti come quello della dualità.

L’argomento che desta più interesse coincide forse con la possibilità di vedere come il nostro universo si sarebbe evoluto se lungo il cammino fossero state fatte scelte diverse, come afferma il produttore esecutivo JH Wyman sabato ai fortunati spettatori del Comic-Con.

Si tratta di un argomento di interesse sicuramente diffuso, per questo il produttore ha regalato agli spettatori, e di conseguenza a noi, una lista di linee guida, otto, per la precisione, per fruire al meglio di questa terza stagione, che promette di essere veramente interessante. Procediamo con gli otto (fonte Tv Guide).

1. Non sottovalutare l’altro Universo: questo svolgerà un ruolo di primaria importanza in questa stagione. Gli episodi si alterneranno, presentandoci ora l’uno, ora l’altro mondo, ma con stretti riferimenti a quello reciprocamente alternativo.

2. Non date per scontato niente su “Nolivia”, e sul suo sguardo perenne su Peter e Walter, e che potrebbe presentare qualche, diciamo, variazione.

3. Il punto 2 ha diretta influenza sul punto 3: le due Olivie avranno una personalità diversa, con caratteristiche idiosincratiche che, in qualche modo, si “intrecciano”.

4. Peter non dovrà affrontare solamente le consuete peripezie: tutta la sua sfera emotiva verrà messa seriamente alla prova.

5. Lance Reddick non ha alcun dubbio circa il fatto che il suo personaggio abbia un “grande rispetto” per il Walter alternativo, ma questo potrebbe non essere sufficiente. Broyles è quello che può essere definito un cane sciolto, quindi la sua lealtà potrebbe, in qualche forma, venire meno.

6. Anche Nina, quest’anno, verrà approfondita a dovere: la vedremo in azione, scatenata nell’uno e nell’altro mondo.

7. Non dimentichiamoci l'”altra” Astrid, che nelle prime puntate della nuova stagione dello show comparirà più e più volte, come afferma il suo “alter ego reale”.

8. Dulcis in fundo: nonostante il pensionamento di Leonard Nimoy, dopo la fine della seconda stagione, i produttori dicono che esiste una possibilità che costui possa ritornare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>