Dexter: un nuovo libro arriva sugli scaffali

di Enrico Nanni Commenta

darkly

L’autore Jeff Lindsay ha trovato ispirazione per narrare le gesta del “buon” serial killer nei falsi sorrisi degli incontri tra persone, quelle situazioni tipiche in cui le false strette di mano nascondono la voglia di uccidersi l’un l’altro.

Quella che all’inizio era solo un’idea “oscura” è divenuta successivamente la punta di diamante di Showtime, ovvero la serie Dexter e una serie di libri sul serial killer impegnato a utilizzare la sua “arte” a fini benefici. Il quarto libro, Dexter by Design, pubblicato da Random House,giungerà sugli scaffali questo giovedi.

Tutto ebbe inizio quando l’autore, verso la fine degli anni novanta, si ritrovò a parlare del suo lavoro agli incontri del Kiwanis Club, un’organizzazione di servizi orientati alla comunità diffusa in molti paesi, dove si rese conto della falsità dei sorrisi e delle strette di mano reciproche.

L’idea che un serial killer non deve essere necessariamente cattivo si fece strada in lui, ma non prese forma fino al 2004, quando uscì Darkly Dreaming Dexter, dal cui successo nacque successivamente la nostra amata serie tv.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>