Covert Affairs 5, spoiler da Matt Corman e Chris Ord

di Chiara Lagana Commenta

Covert Affairs 5x10 - 5

Questa sera andrà in onda negli States, il midseason finale della quinta stagione di Covert Affairs, ecco alcuni spoiler dai due produttori esecutivi Matt Corman e Chris Ord.

Cinque le cose da aspettarsi da questo finale secondo TVGuide. In primis, verrà svelata l’identità dell’attentatore. Ecco cosa dice a riguardo il produttore esecutivo Chris Ord:

L’istinto di Annie le dice che c’è qualcosa oltre e fidarsi del suo intuito l’ha aiutata nelle passate quattro stagioni e mezza, dunque continuerà a seguirlo.

Il secondo spoiler è che qualcuno morirà nel corso della puntata, come conferma Matt Corman:

Tutti la pagheranno, come anticipa il promo. Bene, una persona la pagherà con la sua vita. Ci sarà il decesso di un personaggio che i fan hanno imparato a conoscere.

Auggie riuscirà a perdonare Annie? I problemi di fiducia fra i due aumenteranno una volta che Auggie scoprirà che Annie gli ha mentito su McQuaid. Ecco cosa ne pensa Corman:

Non le piace mentirgli, ma credo che i due si rendano conto che nel mondo dello spionaggio, la verità è un bene prezioso. Si sono detti bugie a vicenda, penso che il suo cuore si enda conto che lei lo sta facendo per il bene della missione e non per ferirlo.

Ord, inoltre a EW, ha anticipato il ritorno di Hayley:

Hayley ha sempre lottato per la verità, anche se le cose diventano complicate, lei si batte per trovarla. Dobbiamo vedere cosa le succederà una volta che incontra Annie.

Il ritorno complica le cose per Auggie, come spiegano Ord e Corman a TvLine:

La loro relazione è complicata, lei ha avuto un piccolo ruolo in quest’episodio per lui, ma è fondamentale ai fini della trama.

Quanto al caso di McQuaid, i due garantiscono che ne sentiremo riparlare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>